Primi grattacapi per il governo francese: dimissioni per tre

En Marche!!…ma in quale direzione??
Tutti pronti ad esaltare il nuovo corso francese, scattato con il presidente Emmanuel Macron che ha avuto sulla scena politica d’oltralpe lo stesso effetto di uno tsunami con la sua storia particolare, il matrimonio con la sua ex professoressa, il suo volto pulito e il suo programma convincente. Prima la sua scalata all’Eliseo in un ballottaggio senza storia contro Marine Le Pen, poi la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento e la possibilità di governare senza patemi ed attuare il suo programma liberale ed europeista.
E invece, cosa succede? Che tre ministri del partito MoDem (il ministro della Giustizia François Bayrou, il ministro della Difesa Sylvie Goulard e il ministro degli Affari Europei Marielle de Sarnez, hanno rassegnato le dimissioni dopo essere stati travolti da uno scandalo legato a presunti finanziamenti europei.
Un duro colpo per chi faceva della moralizzazione il suo cavallo di battaglia e, soprattutto, un intoppo serio sulla strada di un governo solido e in grado di durare per molto tempo.
Sembra però che ci siano già altri gruppi ed altri parlamentari pronti a sostenere i Rem (République en Marche) ed affiancare i 308 eletti del movimento di Macron. Forse la marcia potrà riprendere lasciandosi alle spalle le prime difficoltà.

Be the first to comment on "Primi grattacapi per il governo francese: dimissioni per tre"

Lascia un commento