Hai una PostePay Evolution? Attenzione alle truffe!

Se la primavera 2017 in campo informatico verrà ricordata come la stagione dei ransomware, i “virus del riscatto”, che hanno infettata milioni di computer in tutto il mondo, l’estate “italiana” si sta scaldando per l’ennesimo tentativo di truffa legato al cosiddetto “phishing” e in particolare alla PostePay Evolution.
Niente a che fare, ovviamente, con il fatto di andare a pesca (“fishing”) ma in qualche modo, passatecelo, si tratta comunque di far abboccare all’amo qualche sprovveduto.
Il “phishing” consiste nell’invio di e-mail contenenti dei banner che somigliano graficamente a quelli originari e che segnalano utilizzi “sospetti” della propria carta di debito (la PostePay appunto); tali messaggi invitano il cliente a selezionare un link presente nella mail per sbloccare la propria carta che, proprio in seguito a tali utilizzi, sarebbe stata bloccata da Poste Italiane.
Il link vi chiederà naturalmente di inserire le vostre credenziali ma non è collegato al database centrale dell’ente che ha emesso la carta di debito, bensì ad un server che i truffatori usano per raccogliere i vostri dati. In pratica siete voi stessi a consegnare su un piatto d’argento le vostre informazioni riservate a chi non aspettava altro.
Il consiglio rimane sempre lo stesso in questi casi: non aprire allegati strani, non cliccare su link che vi avvisano di possibili fenomeni strani legati ai vosri conti correnti o alle vostre carte: se davvero dovessero verificarsi, sareste avvertiti in modo diverso quindi non date peso alle mail. Se possibile con il vostro provider di posta fate in modo che quei messaggi vengano inseriti direttamente nella cartella Spam, almeno non perderete nemmeno il tempo a toglierli dalla Posta in arrivo.

Be the first to comment on "Hai una PostePay Evolution? Attenzione alle truffe!"

Lascia un commento